LAVORI FATTI A MANO

Puoi scrivermi a

granadiriso (chiocciola) yahoo.it




31/12/12

Caro Anno ti scrivo....

Non la lista dei Buoni propositi tipo:
 andare in palestra (noo sono troppo pigra!!),
 camminare (ma fa un freddo cane!!) ,
 nemmeno di avere meno lana in casa (sai cosa bolle in pentola e semplicemente NON si può!!),     essere più buona (sììì così divento Santa!!),
essere più paziente (ma se aspetto tutte le sere l'adolescente!)
...
e si potrebbe continuare all'infinito..
ma semplicemente non voglio cambiare, mi vado esattamente bene così come sono, (per ora)
...
allora ti metto la lista dei desideri
lampadine nuove (che ho la casa che sembra una cripta),
che magicamente mi si posi il nuovo intonaco antimuffa senza dover spostare i mobili e  fare sudicio in casa,
la casa pulita ed i panni lavati e stirati (sempre),
già che ci sei insegna a cucinare all'informatico che ultimamente mi è proprio venuto a noia,
tutto questo solo per aver più tempoo per me
per volermi bene,
come vedi non chiedo smalti, borse, scarpe o vestitini (ma l'impastatrice sì, per favore!!) : sono in pieno periodo di decrescita,  personale e spirituale, essere e non apparire, scoprire l'essenza, la sostanza,  e lasciare l'affanno e la corsa per riappropriarsi del proprio, inestimabile, tempo.
Il tempo di camminare, di fermarmi a parlare con gli amici, il tempo di andare ad una mostra che mi attira, di fare i biscotti con Lele, di leggere un libro...
Il tempo, l'unico lusso per il nuovo anno che mi voglio concedere
Il tempo per me
per ritrovarmi,
crescere,
stare con chi amo,
e di nuovo essere...
duemiladodici, te lo dico,  stasera te ne vai e non ci rincontreremo più....
e non mi mancherai... proprio per niente!!!!
All'Anno nuovo, ai buoni propositi, alle promesse che non si mantengono, alle bugie che si dicono, alle cose che si iniziano, a quelle che si vogliono fare, a quelle che non si faranno mai, alle partenze annunciate, i viaggi rimandati, alla sveglia che suona la mattina, al forno acceso alle 9, alle lavatrici in funzione (e i mucchi di panni da lavare), alle diete che si cominciano, alle cose da fare e che.... "si faranno"... a tutti i giorni che passano, (e passeranno), a tutto quello che mi è concesso, a tutti i sogni che possi sognare, a tutte le strade che farò, al tempo che mi rincorre, agli anni passati e che rimpiango (qualcuno), ai lavori che comincerò, finirò, disferò, al mio tempo ed alla mia vita...
(mi)  faccio gli auguri....
da sola

BUON 2013

che i vostri sogni si avverino


21/12/12

a che ora?

tanto per essere precisi.....
che ora ci ho da andare in banca
fare l'albero di Natale
comprare il pane
fare i pacchetti
e smatassare la lana per domani


19/12/12

ApoKALisse KAL

Devo decidere bene cosa mettere sui ferri: quale sarà la lana sopravvissuta... non si può improvvisare così e prendere una lanaccia, (come se avessi pallocche ed affini in casa) devo pensare bene al progetto non due dritti e due rovesci: che diamine!!! sono sopravissuta alla fine del mondo dovrò pur celebrarlo degnamente spendere gli ultimi soldi rimasti dopo i regali natalizi in un modello figo su Ravelry ad esempio,  e visto che il tweed è il più gettonato resto in tema e vado a pescare a Brooklyn Tweed
questo per quanto riguarda la lana
che non è la cosa più importante
Ho fatto i colloqui con i professori, e quest'anno preferisco cambiare argomento :-( mi dicono tutti che la seconda è l'anno più difficile ed io quest'anno ho fatto il pieno: ho una seconda media e una seconda superiore a scelta...
Ho fatto la scorta di caffè dovesse mancarmi il 22 mattina
ed ho pure fatto il sugo per le lasagne
queste le cose che ho fatto
poi ci sono quelle che non ho fatto e sono tantissime
non ho fatto le telefonate che dovevo fare ok ci penso su da un mese, e ci penserò su un altro se va bene
non so ancora cosa mangerò per Natale
e questo è il meno
NON HO ANCORA FATTO L'ALBERO DI NATALE
la scusa è che l'8 ero fuori, poi ho lavorato, poi ho fatto i colloqui ed  un paio di knit, la corsa per gli ultimi regali e cercare dove ho nascosto quelli che avevo comprato a suo tempo.... ma qualcuno  è ancora disperso... per questo ho dovuto rimettere a posto la soffitta con tutte le mie cosine belle (e ci ho perso un paio di giorni) ho finito un paio di lavori in sospeso ed oggi ho rinnovato il poncho che avevo iniziato ai colloqui la settimana scorsa...
la verità è che non ho posto però potrei mettere le lucine sugli stendini che invadono il salotto...
A seguito di una serie di fortunati eventi stiamo cercando di convincere l'informatico a prendere il cane (che mi manca) e pure il KitchenAid rosso che cremina mi si perde in cucina...
insomma sono indietro su tutto, in ritardo, e come al solito ho il Bianconiglio che mi strilla nelle orecchie è tardi è tardi è tardi!!!
in effetti è tardi ed io sono qui a zuzzerellare
a perdere tempo
a cercare il coraggio che non ho
a provare a scrivere parole, che se servono a me non escono e non ci sono.
E' tardi
devo buttare la pasta
cuocere la verdura
 e fare le cose di tutte le sere
gesti semplici
che rassicurano
che confortano
come tenere in borsa un gomitolo di lana
la mia coperta di Linus
il mio fare
il mio tempo
a venerdì nel bene e nel male
un bacio
un abbraccio col cuore


15/12/12

The Day After

Io me lo ricordo quel film
gli anni erano quelli che andavo al cinema spesso e se potevo all'Universale anche tutte le sere.
Il giorno dopo potrebbe essere sabato prossimo, perchè è vero che uno ci ride e ci scherza, però poi un pochino ci pensa, casomai pochino pochino, però un po' il pensiero ci va.
Il pensiero va alle persone che non ho sentito,  che non gli ho telefonato , che non sono andata a trovare e non gli ho neppure mandato una mail.... consideratelo fatto, anzi già che ci sono consideratevi tutti abbracciati col cuore.
Finiti i saluti (estremi) e messo il cuore in pace (chi non c'è non si saluta) (chi mi detesta si saluta di più) (chi c'è dopo questo non mi saluta più) si pensa al giorno dopo
e cosa si può fare di meglio (oltre  a lavorare) se non un bel

Cast-on-post-apocalittico

le regole sono semplici e le copio direttamente da fb 

Una volta scampate ai Maya, festeggiamo con un cast-on post-apocalittico.

Ognuno sferruzza ciò che preferisce. Una sola regola: Gomitoli rigorosamente già presenti in stash!

Diamoci alla pazza gioia. I nostri ferri sono salvi!


L'idea è venuta a Lei
ho già la lana (che peccato non poterla comprare)
ho già un progetto? anche no!!! ma ho del tweed che aspetta da tempo il momento giusto e forse dopo l'apocalisse (scampata) il momento giusto è arrivato...
forse è arrivato anche il momento di fare delle telefonate (e sotto Natale sembrare anche buona)
difficili...
sentire gente...
parlare con persone....
perfetti sconosciuti....
... solo perchè è Natale e fare gli auguri.. ma a chi?
ma anche no.
Non sono una brava bambina
si sa..
ma se è per questo non sono nemmeno una brava figlia, una buona nipote, una nuora accettabile, una discreta sorella, non sono una buona collega e mi posso  pure candidare come pessima cognata, sono una moglie che si sopporta ed  una mamma che sbaglia con amore, però sono anche un'amica fidata e se ti do il cuore sappi che è tuo. punto. per sempre.
Insomma, dovesse succedere, un abbraccio forte, sincero, col cuore e con amore
e se no sabato mattina tutti a fare qualcosa di nuovo, a mettere su un nuovo progetto, a partire con slancio, sfruttiamo questo momento di scampato pericolo che se torna chi non si può nominare  a governare, poi, si sa come va a finire?
ma anche no!!
ci risentiamo per Natale










Valencia a/r

Citta dell'arte e della scienza ma sopratutto di sole!
2 notti
un mordi, fuggi e mangia
la paella
perchè quella di Valencia si sa è buona.
l'acquario
 Perchè son bambini
la città vecchia
il memorandum
perchè ero così

praticamente, decisamente, inequivocabilmente, sconvolta e pure senza l'acqua di valencia, diciamo che ultimamente è una condizione naturale.. che stia  aspettando (allegramente) la fine del mondo?
no! solo la fine delle feste......

01/12/12

a Mezzanotte e 003

l'ho fatto mio!!
Basta una piccola donazione (anche 10 euri) e può essere anche vostro
ci sono storie, schemi, parole ed un grande Cuore!
vai, corri fare click qui
Il nuovo libro del Cuore
ormai è, quasi, una piccola enciclopedia d'amore.

30/11/12

Trame ed intrecci

Mi è presa così: tutto un intrigo ed un intreccio, neanche fossi la Lucrezia della corte dei Medici.
Mi è presa così: il davanti lo metto dietro, la destra a sinistra, il diritto a rovescio.
Mi è presa così: tesso trame difficili come i giorni che passano
Mi è presa così: (e non faccio del male a nessuno)
intreccio la lana



On sale



Ora ho un nuovo account su google+ ma posso caricare foto mi sembra che tutto stia diventando sempre più difficile

Niente foto stasera

non mi fa più caricare le foto
non ho voglia di pagare
sto cercando una soluzione

Proprio adesso che volevo mettere in vendita le mie cose
(segno del destino)
ne ho la casa piena
non so più dove metterle



25/11/12

Molte vite, un solo amore

A ciascuno di voi è riservata una persona speciale. A volte ve ne vengono riservate due o tre, anche quattro. Possono appartenere a generazioni diverse. Per ricongiungersi con voi, viaggiano attraverso gli oceani del tempo e gli spazi siderali. Vengono dall’ altrove, dal cielo. Possono assumere diverse sembianze, ma il vostro cuore le riconosce. Il vostro cuore le ha già accolte come parte di sè in altri luoghi e tempi, sotto il plenilunio dei deserti d’ Egitto o nelle antiche pianure della Mongolia. Avete cavalcato insieme negli eserciti di condottieri dimenticati dalla storia, avete vissuto insieme nelle grotte ricoperte di sabbia dei nostri antenati. Tra voi c’è un legame che attraversa i tempi dei tempi: non sarete mai soli.
L’intelletto può intromettersi e dire: “Io non so chi tu sia”, ma il cuore lo sa.

Lui ti prende la mano per la prima volta e la memoria di questo tocco trascende il tempo, e fa sussultare ogni atomo del tuo essere. Lei ti guarda negli occhi, e tu vedi l’anima gemella che ti ha accompagnato attraverso i secoli. Ti senti rivoltare le viscere. Hai la pelle d’oca. Tutto, al di fuori di questo momento, perde importanza.
Lui può anche non riconoscerti, anche se finalmente l’hai incontrato di nuovo, anche se in effetti lo conosci. Ma tu puoi sentire il legame che esiste tra voi. Puoi vedere la carica potenziale, il futuro. Lui forse no. Le sue paure, il suo bagaglio intellettuale, i suoi problemi gli creano come un velo sul cuore.
Ed egli non lascia che tu l’aiuti a dissipare quel velo. Tu t’affliggi e ti struggi, lui se ne va. Il destino può essere così delicato.
Quando invece due persone si riconoscono reciprocamente, non c’è vulcano che erompa con maggiore passione. L’energia liberata è enorme.
Il riconoscimento dell’ anima gemella può essere immediato. Si avverte un’ improvvisa sensazione di familiarità, di conoscere già questa persona appena incontrata, ben oltre i limiti cui arriva la mente consapevole.
Di conoscerla cosi profondamente come di solito accade solo con i più intimi membri della famiglia. O anche di più. E di sapere già cosa dire, e come l’altro reagirà. Nasce quindi un senso di sicurezza, e una fiducia ben più grande di quella che si potrebbe pensare di raggiungere in un solo giorno, in una settimana, in un mese.
Il riconoscimento dell’anima può essere un processo sottile e lento. All’ inizio, magari solo un albore di consapevolezza nel momento in cui il velo viene delicatamente sollevato. Non tutti sono pronti ad accogliere subito la rivelazione. C’è una progressione da rispettare, e può darsi che si renda necessaria, da parte di chi lo comprende per primo, un certa pazienza.
A farti capire che ti trovi di fronte a un tuo compagno d’anima può essere uno sguardo, un sogno, un ricordo, un sentimento. E tale risveglio può avvenire anche attraverso un tocco delle mani di lui, o il bacio delle labbra di lei, e la tua anima balza di nuovo alla vita.
Il tocco che desta può essere quello del tuo bambino, di un tuo genitore, di un fratello, o quello di un amico vero. Oppure può essere quello del tuo diletto, che arriva a te attraverso i secoli, per baciarti ancora una volta, e per ricordarti che siete sempre insieme, fino alla fine dei tempi.


Brian Weiss
Grazie,  a chi mi ha fatto conoscere questo libro,
Grazie, al tempo che passa e ritorna
Grazie, alle persone che ci sono sempre state (fin dalla notte dei tempi)
Grazie, al domani che appartiene al passato

21/11/12

Grana Di Riso

In una piccola oasi di presunzione posso immaginare che l'hanno fatto pensando a me e a me l'hanno dedicato....
Io intanto il mio gomitolo me lo sono comprato, fosse solo per l'etichetta....
ho quasi l'intenzione di scrivere alla Mondial e farmi mandare un campioncino....
Grana di Riso per Granadiriso 
Oggi mi sono molto autocelebrata da sola
ci sono giornate che cominciano con la coda all'anagrafe
e finiscono con gomitoli di lana (beh, per questo diciamo un misto lana)
ci sono giornate che si aspettano
e altre che arrivano per caso
io voglio farmi felice con poco
(perchè essere felici è difficile)
giusto un gomitolo di me....



16/11/12

La crisi del settimo anno

Non si tratta del matrimonio, che regge ormai da 16 anni
ne di noi due  che ne facciamo 26
ma degli elettrodomestici della casa
sono sette anni che vivo qua
nell'ultimo mese si sono rotti (hanno fuso il motore)
la macchina del pane
la macchina dell'hot dog
la bilancia (per sovraccarico)
il ferro da stiro
L'arriccia capelli
lo stira capelli
(sono sempre indecisa)
ho paura ad accendere un interruttore
ed inserire una spina
.......
+
prego per i superstiti
li alimento con ottimi Kw
osservo i cadaveri per la discarica
con la mezza idea di smontarli.....
mano ai cacciaviti saranno mica più complicati dei ferri circolari?
viti  e saldatore a me!!!

tanto più che rotti.....
le molle, le dinamo, i transistor
che mondo affascinante
le vitoline sotto i piedi
i pezzi che si perdono
....
...
tanto fra un po' è Natale mi ci starebbe bene un tostapane, zitti che quello ancora funziona!!!



11/11/12

Soddisfazioni

Ci sono piccole soddisfazioni, che sono grandi emozioni, ci sono piccole cose, che sono montagne, ci sono gocce che diventano oceani, ci sono piccoli punti che diventano scarpine, cappellini, copertine e sacchi nanna.

Ci sono momenti speciali, di quelli che te li ricordi bene. 
 La Pres che ha dormito (comodissimamente) nel mio divano coccolata come un ospite speciale, con i figlioli stranamente gentili ed educati ed il marito disponibile a prendere il pane. 
 Ci sono cose che vanno a posto da sole e che sembrano miracoli: come  il parcheggio trovato subito in uno Sheraton superaffollato, ci sono persone che te le senti in sintonia come "vecchie" amiche appena conosciute. 
 E' la magia degli Angeli che coccolano i bimbi piccini e li proteggono con le loro ali grandi.
 Mi muovo a piccoli passi su un sentiero che conosco appena, ma seguo il Cuore ed il mio cuore, ed andrò dove devo arrivare, come dico sempre, la strada è già scritta.
Sono stati giorni con momenti  di leggerezza e di emozioni.
L'Ospedale Meyer che per i fiorentini è qualcosa di  così speciale che raccontarlo (ai non fiorentini) è difficile. 
Andare con il Cuore al Convegno dei Pinguini ( e tornare a casa con piena di  campioncini di spray per la gola)
e poi leggere questo
e fare!
e sono soddisfazioni! mie.
e tutto il resto, per un momento, non merita e non conta


07/11/12

Cuore di Maglia a Firenze

con la Pres che dorme sul divano
Il Meyer che ci aspetta
Un convegno delle Tin
Torregalli che ci vuole ancora
direi che di extra ci scappa solo una visitina da Andrea
una super settimana
in diretta twitter da Laura

01/11/12

L'amore oggi




Che differenza  c'è fra l'essere stati  innamorati negli anni '80 ed adesso?
L'amore è il solito ma volete mettere la tecnologia?
Dove si incontravano i fidanzatini degli anni '80?
A ballare, al cinema, in piazza nelle compagnie...
Ora, vedo  come fa l'adolescente inquieto ( e la nipote inquieta come lui..):   ci si conosce su fb poi, quando si va  ballare, (bada un po'), ci si rende conto che in realtà non si conosce nessuno,  né di faccia e né di vista....
Negli anni '80 avevamo sempre una penna ed un fogliolino sgualcito in borsa, (ottime erano  le bucce delle Brooklin) per segnare il numero di telefono - rigorosamente - di casa che ti vergognavi a chiamare perché rispondeva la mamma.
Ora si segna sul cel : fammi un squillo che segno il nome..... PECCATO che spesso il telefono da forfait, si perde la scheda, non funziona, va portato a resettare e tutto quello che c'è dentro, compreso il numero di potenziali fidanzati va perso... PECCATO!!!
Prima si facevano le foto, poche, e si mandavano a stampare, poi ci si scriveva dietro a penna "luogo-data-nome" per non dimenticare  e si mettevano in album pieni di scritte e riferimenti. Le foto le aveva solo chi le faceva, e quanto mi mancano adesso certe foto....
Ora si fotografa tutto e con tutto, le foto  non ci appartengono più ma vengono condivise da tutti, anche quelle che forse sarebbe meglio nascondere.... si commenta su fb, si pubblicano all'istant... i ragazzi non si baciano più contro le porte della notte ma  si baciano in diretta twitter..
Prima, quando ti lasciavi, chiamavi il suo migliore amico perché combinasse un incontro, lo cercavi per giorni girovagando come una disperata sotto casa sua, per poi dire "Ciao, che caso incontrarti....!" (sono 4 giorni che ti cerco), scrivevi poemi disperati alla ricerca della ragione, lettere che MAI gli avresti fatto leggere e capitava, anche dopo anni, di sentirsi dire: "ma tu sei la ragazza del .....?" e spiegare che nel frattempo ti eri sposata e fatto due figlioli ma non con quello .....!!!
Ora l'aggiornamento dello tuo status è immediato: su fb pubblichi se sei  fidanzata, sposata, single, o hai una relazione complicata (questa la adoro)  a seconda.....
nessuno ti chiede se stai ancora con quello, perché in realtà nessuno sapeva che stavi con quello, avendoti visto solo due volte in foto su fb.
Prima si facevano le "cassette", si scrivevano i testi delle canzoni andando avanti e indietro sul registratore
Ora si fanno video direttamente si youtube, si scaricano i down load, e le app (ma questo, sinceramente è più bello)
Ora se si vuole dire qualcosa si manda  una canzone in mp3 o la si  linka sul suo  profilo su fb
Prima si telefonava o si scriveva ed i cuoricini non si facevano così < 3 Prima sapevamo disegnare, scrivere e  leggere....
Ora sono tutti crittografi con contratti  alla CIA
Ora ci sono programmi televisivi che ti fanno incontrare, lasciare, rimettere insieme e ti pagano pure la vacanza...
Prima c'era che ci si parlava da soli,  si piangeva da soli, e, soprattutto,  ci si baciava da soli camminando mano nella mano....
Prima c'era un sentimento che era nostro e stava nel cuore
Ora contano i "mi piace" che danno i 1236 "amici" su fb
Prima si spiegava dove si stava: e mi ricordo ancora come lo spiegavo io: "Conosci il cinema Aurora? vai a diritto poi trovi la pasticceria Collini,  poco più avanti sulla sinistra il palazzo giallo a ferro di cavallo al 9/c"
Sono arrivati TUTTI, non ne ho persi uno
Ora " Ce l'hai google maps?  metti Via Giotto, vedrai che non ti perdi....."
Quando mi ha lasciata il fidanzatino, ho pianto sulla spalla di un amica, ho guardato il telefono muto nell'ingresso senza mai avere il coraggio di chiamare, ho cancellato il suo nome dal diario ....
Poi sono uscita....
Ora: prima si scrive su fb, poi si leggono i commenti, si mandano mille messaggi, si linkano meravigliose canzoni d'amore tristi su Youtube, si cercano in rete condivisioni di sentimenti  e  non si riesce a cancellare niente.

In qualsiasi anno si sia, però,   l'amore dei 15 anni è sempre bellissimo




31/10/12

Questo è Halloween












e Sally è triste,



ma non così tanto da dire dolcetto o scherzetto?




non dolci, non scherzi, ma lana, ho bisogno di lana!!!! giusto  un paio di gomitoli che ho da finire di riempire la stanza. :-)
Quindi se non scrivo non è perché sono depressa sul letto a girarmi di angoscia, e non è nemmeno che sono a lavorare (da quando lavoro la domenica ho praticamente tutta la settimana libera)
sono sicuramente  a giro per qualche knit,  o con le amiche per le fiere, per boschi no:  quest'anno non cammino bene (sapete 47 si sentono) e le giunture fanno scrrekk ma come dice lo scoiattolino di fb sono croccante...
Non sono nemmeno a rimettere a posto che il cambio di stagione quest'anno è stato un lampo: non mi sta più nulla!
Sono a portare il figliolo "gobbo" (anche perché tifa Juve) in palestra, dal dottore e dal dentista, stiro montagne di panni (perchè mi tocca) e cucino cose lesse che sono a dieta (stretta, stretta che non mi sta più niente) mangio proteine che i carboidrati fanno ingrassare... sono sul baratro della fame...
meno male che sabato vado a pranzo fuori con le amiche di Ravelry dopo la fierucola della lana di San Martino e visto che il ristorante lo conosco e si mangia bene dico che
dolcetto ci sta.
e che dolcetto sia

un felice Halloween e che il buon tempo sia con voi .



17/10/12

Il giorno delle Borse.....

No, non sto parlando del venerdì nero del 1929,  anche se lo spread il MibTel le quotazioni e l'andamento vengono tutte le sere prima della minestra; ma di quel  giorno a fine stagione, quando la borsa a fiori viola stona con lo stivale, in cui (ci si) mi armo di santa pazienza, un capiente secchio del sudicio (in realtà tre perché sono riciclona) e di un paio d'ore del mio tempo...
e vuoto le borse.
Vuotare le borse è un avventura: come Viaggiare nel centro della terra, un riassunto della stagione appena passata, ricordi di vacanze e di giorni passati, insomma le borse, per lo meno le mie, sono delle immense e capienti pattumiere!!!!!
Ci si trova di tutto, fra le cose rimaste intendo, quelle che non levi quando prendi un'altra borsa, le cose che rimangono sotto il fondo di cartone e che credevi perse, quelle che si incastrano dentro la taschina che si chiama "taschina" quando ci vuoi mettere il cellulare che non c'entra e bisaccia quando ci si incastrano e perdono le cose.
Ho fatto un mucchio di assorbenti di tutte le forme e dimensioni, alati e non, che ci ho la scorta per tutto l'inverno...
Le salviette per pulire gli occhiali, diciamo due/tre per borsa, considerando che ho sempre gli occhiali sudici e ditosi, tanto che una volta ci avevo chi me li puliva, ma ora non c'è più :-( , e per questo mi è rimasta la fissa delle salviette ma è  una spesa veramente inutile...
Il rossetto di quel colore che mi sta così bene d'estate, che è  anche un pochino lucido.. dato per disperso prima di agosto
Le salviette per pulirsi le mani, igenizzanti e profumate, come per quelle degli occhiali...
L'Opinel viola che mi sono fatta comprare in Francia, una prova di amore superata (se l'amore si comprasse come gli Opinel ne sarei piena)
un paio di mini scarpine di Cuore di maglia, portate a far vedere e lì rimaste
scontrini di vario genere e natura fosse mai che mi capitasse di buttarli via...
Offerte eccezionali, per andare a prendere palle alla Vodafone o sconti scaduti, per ritirare favolosi omaggi a fronte di una spesa di ..... scritto troppo piccolo non leggo!
Fermagli per capelli: tutti quelli che ho perso da giugno che ultimamente andavo in giro con la pinza nera, quella che ci si mette la mattina per lavarsi il viso e togliersi le cispe dagli occhi....
Penne, non molte in verità dato che ho smesso di comprarle a mucchi, (un giorno racconterò della mia mania di comprare penne e calzini)  ma che non resisto a prenderle quando sono sponsorizzate e  si va dalla Pizzeria con consegna a domicilio e quelle dell'albergo... Pacchetti di figurine,  perché ora, quando vai a fare la spesa ti danno le "figurine" e le devio prendere perché c'è sempre chi ti chiede non è che le fai?
L'agenda, che di solito va a finire sotto il fondo di cartone e che per questo viene aggiornata a mesi alterni .
I taccuini, ne ho tre, perché tanto uno lo perdo (dimentico) sempre....
Schifezze varie, che stanno ancora classificando al museo in quanto trattasi di reperti sicuramente preistorici....
Reperti dei figlioli che neanche al Ris sanno a cosa servono...
5 tappi di bottiglia, per ricordare un giorno sereno
Biglietti da visita perché li prendo se poi li butto senza riguardarli? devo smetterla!|!
Biglietti dell'autobus che durano solo un ora e mezza
Memorandum del dentista ok, lo so che ci dovevo andare a maggio...... ma il biglietto, neanche a farlo apposta mi si è perso nella solita taschina
Le ricevute dei ticket, della farmacia, che io la documentazione per il 740 la conservo così (ma si chiama ancora 740?)
I tubetti vuoti dei pocket coffè.... la mia droga.
 Un'intera collezione di stitch marker (una collezione minimo da 1000 pezzi intendo).. la mia passione
......
ed ancora ....
Briciole di pane che ci potrei rifare il percorso della mia vita per non perdermi più
Le cose che non ho trovato sono gomme appiccicose perché non le mangio più e questo evidentemente ha un suo vantaggio
Soldi, a parte l'euro sparso per il carrello e trovare un solo euro in 7 borse la dice lunga su quanto ci si fruga...
 e tante altre cose che  ho perso e non stanno dimenticate  in nessuna borsa, neanche  in quella dell'anno passato...

...

vado a riempire la borsa per l'inverno... comincerò dalle noci e dai pocket coffè...



10/10/12

Di imbuti, colori e altre cose



Ultimamente ho riletto Le cronache di Narnia, ma anche The Kids di Patty Smith ed Io viaggio da sola (perchè non si sa mai...)
da qui il titolo del post
ho anche fatto pessime e svogliate fotografie
Ho un torcicollo pazzesco segnale di stop quando corro troppo, o colpa della sbarra appendi-Lele che abbiamo (il muratore ha) messo prima della porta del bagno che  uno passa e prima di andare a lavarsi i denti ci da secco di due o tre addominali, io sono arrivata a 5!!!!
Ho appena preso un caffè e sono ancora in pigiama, è il mio giorno libero ora che si lavora pure la domenica ed il  mercoledì è un  giorno strano, non ci sono mercati, ma  c'è la palestra e un adolescente che ancora dorme al piano di sopra.
E' ancora troppo caldo come 15 anni fa che entrai in ospedale con il sole e ne uscii con un fagotto e un freddo terribile, ma questo accadeva il 12 ...
Mi arrangio
ecco oggi mi arrangio con le cose che ho, i piccoli affetti, i lussi che mi concedo, le amiche che mi sono vicine e che ancora mi sopportano, compro solo il pane e il latte che a cercare nel frigo c'è sicuramente la cena, sono al minimo storico di sforzo, speravo, ardentemente che con l'autunno qualcosa cambiasse che arrivasse il freddo invece c'è ancora  un caldo che leva l'anima.
Invento cose, perchè altro non ho


e nell'attesa di avere la knittazza ho il knit-annaffiatoio  (funziona benissimo!!) che assomiglia pure alla strelitzia ed ha un suo perchè estetico....
Ho comprato lane merinos colorate

 Neri, d'ebano, altro che 50 sfumature di grigio.........

E se aggiungo anche una scorta di 80 pocket coffè posso dire io sono pronta per l'inverno, se arriva!

02/10/12

Ho fatto tutto

Guardi indietro e pensi che non poteva essere ieri
invece  era solo ieri sera che avevo un amica di Ravelry a cena
e domenica finalmente ho ritrovato il tempo per stase con Giusy
ed oggi con  Donna dopo tanto tempo.....
poi ci metti la casa da pulire da cima a fondo dopo i muratori
 e dopo i cani perchè vengono  bambini
e dopo i bambini perchè ci ho preso gusto
e in mezzo a tutto questo un cumulo di tovaglie e vettovaglie
 A cucinare  veloce  mi ha insegnato Ramsay
zia c'è sciopero dell'autubus vieni tesoro
a ci sei anche  te a pranzo
metto su l'acqua e butto la pasta:
qualcuno l'ha mangiata
rimetto su l'acqua e butto la pasta
qualcuno la mangerà
avanzare non è avanzato  niente
cucino
corro
vivo attaccata al telefono
mi sposto, a piedi, fino a Santa Croce
ho pure il tempo di guardare la coppa Uefa
penso a cose piacevoli
organizzo knit
faccio incontrare gente
abbracci
baci
ci siamo ritrovate tutte
la stanchezza è andata via
Ora dormo
fra un minuto
mando un bacio ad una nonna, che non c'è più, che ha fatto di me una donna
Nonna Cioppa proteggili


Tempo di semina

Si vedono campi arati
 si creano
l'immagine si trasforma
la lana prende vita
l'idea nasce
si semina
si raccoglie
si va avanti
è il tempo lento della natura
bisogna solo aspettare

Il giorno gentile

Oggi è stata una giornata gentile,
di quelle che sorridi alla gente e gli  dai preziosi consigli
Di quelle che non mandi a fanculo nessuno
di quelle che regali abbracci preziosi
e che inviti 6 persone a cena, che fanno 10 in tuttto
e ancora sorridi
che lasci le pulizie a mezzo per portare Lele in palestra e riprendere da lì
Oggi è stata una giornata gentile
senza nessun motivo
solo perchè è nata così

30/09/12

Remigina

E già chi lo sa più (e se lo ricorda) che domani  1° ottobre, un tempo, eravamo tutti remigini.

Cominicava la scuola!!!

Tutti emozionati con la cartella nuova, il gembiule stirato, il quaderno con il nome scritto in bella calligrafia.
Ed il fiocco che sembrava finto tanto era stirato e compito.
Il vestito per il primo giorno di scuola era un modello standard per le elementari:  i calzini bianchi con i "forini" tutti ben tirati sotto il ginocchio, le codine con i fiocchini, la gonna a pieghe ed il grembiule. bianco...
Il vestito di mezzogiorno del primo giorno di scuola era, per me, calzino su e calzino giù, codina senza più fiocchino e spesso senza più codina, grembiule disinamidato, con: tasche a motivi "biro" (provate voi a mettervi una penna in tasca e non scrivere nulla: io ancora la faccio con la taschina della divisa), bottoni cadenti che per quanto la nonna Marietta li ricucisse stretti, con il fiammifero ed il giro-giro lasciava sempre quel minuscolo pezzettino di filo che come lo tiravi.......
L'impronta del  panino con la marmellata, classica merenda scolastica degli  anni'70
Erba, fango e gesso di lavagna a piacere.......
Ma era così bello il primo giorno di scula
C'era il "pensierino" dove raccontavi cosa avevi fatto durante l'estate ed erano cose semplici che parlavano, soprattutto di tanti e grandi amici.
C'erano i "regali per la maestra" e che invidia quando qualcuno portava cose di posti e luoghi lontani
C'erano i tesori nascosti e lasciati in giardino a giugno
C'erano le amiche nuove che le volevi accanto di banco
C'era la lavagna con "Benvenuti a scuola"  e non più  il "Buone vacanze"  che era stato cancellato :-(

Domani è il primo ottobre
un mese pieno pieno e zeppo zeppo!!
ci sono nuove amiche di Ravelry che passano da qua
nuovi  knit caffè
nuovi posti dove andare
nuove cose da vedere
c'è il caldo che stanotte va via
ci sono i pocket coffèè
non posso chiedere di più
ho visto che hanno fatto il posto
domani
alle 10,30
finisce l'astinenza



27/09/12

Mi manchi...

Non resisto più,
sono in una dolorosa astinenza...
riesco solo a pensare a te
quando torni?
ho provato il Lindor, ma te lo dico:  non è la stessa cosa....
 Ci sono già i Rocher a giro
Tu cosa aspetti?
Non ho mai amato il dolce ed i cioccolatini
ma tu sei speciale
....
Potrei darmi alle caramelle di Orzo se aspetti ancora....

24/09/12

Amico







Io e te lo stesso pensiero
sarà tornare ragazzi e crederci ancora un po'




amico è bello, amico è tutto, è l'eternità
è quello che non passa mentre tutto va
amico, amico, amico
il più fico amico è chi resisterà.
Chi resisterà?
Chi di noi, chi di noi
resisterà.





Le amiche del Cuore: un sogno potentissimo
Le amiche che sono passate
Gli amici che non ci sono più
Quelli che sono ancora nel mio cuore
Gli amici di sempre
e quelli di domani
Gli amici che incontri
 e quelli che dimentici
Gli amici ..... che ricordi!!!

Amico è quello che non passa....
mentre tutto va.
Io e te, lo stesso pensiero...
Io e te , lo stesso respiro
sarà tornare ragazzi e crederci ancora un po'
sporcheremo i muri con un altro no!!!!!!!!

Nella vita ci vuole la Nutella, ci vogliono gli amici, ci vuole l'amore, un pizzico di incoscenza, un po' di sana pazzia, ci vogliono i Pocket coffèe, ci vuole l'aspirapolvere, ci vuole il biglietto del tram, un paio di scarpe comode, ci vuole una coperta calda, ci vogliono i capelli puliti, ci vuole l'acetone per levarsi lo smalto, un pezzo di pane ma che sia buono, ci vuole il tempo per leggere un libro, un attimo per pulire il bagno, ci vuole il sole quando si lavano i lenzuoli, ci vuole la batteria per chiamare quando si ha bisogno, ci vuole un gomitolo di lana colorata, ci vuole una strada in campagna che porta solo ad un fiume, ci vuole un Cuore che batte, una testa che sogna, ci vuole il parcheggio per la macchina quando sono di fretta, ci vogliono persone gentili che sorridono prima di parlare, ci vogliono i ganci per la borsa nei bagni delle donne, ci vuole il coraggio per cercare persone,
nella vita ci vuole essere contenti
anche del sole

Nella vita ci vogliono gli amici.




22/09/12

47......



Io sono
viva, vegeta e pimpante...
 e... "corbezzoli se li porto bene!!!!"


3 numeretti sicuri .... li ho
3 affetti grandi
3 cuori che battono con il mio

La mia famiglia mi ha fatto un regalo, grande: 2 giorni con le amiche
non posso chiedere di più.

21/09/12

Una grande emozione

E' stata una giornata lunga, bellissima,una giornata piena e stracolma di emozione.
 Come inizia una giornata così?
ma con una telefonata che manca il libro di matematica, è ovvio!
un cappuccino
l'attesa della vice imbottigliata nel traffico fiorentino
La strada per il Meyer che si passa di sopra o di sotto?
Svelare la storia della macchina a molla
e poi..
tutto comincia ad ingranare, i tasselli si muovono come in uno strano meccanismo, si mettono  in moto, si incastrano e tutto comincia a filare liscio.
Si parla, si racconta, si aggiungono parole,
si entra in punta di piedi nella TIN che è grandissima
ci sono bimbi piccoli e piccolissimi
sono tutti bellissimi.
C'è una mia compagna di squadriglia dei tempi degli scout, "ma come sei qui?"" ma che belle cose che fai "
E' un grande Ospedale il Meyer, è l'Ospedale a Firenze
Cuore di Maglia c'è

Che bello avere amiche con le quali condividere una fetta di pane ed un pezzo di arista fredda, ok si è capito non sono nè una gran cuoca nè una gran pilota.
ma faccio tutto col cuore lo giuro solo che qualche volta mi perdo.
mi perdo nell'aperitivo con le amiche
mi perdo nelle chiacchere attorno ad un tavolo
mi perdo alla fermata dell atranvia
mi perdo nelle cose che accadono.

E quante cose abbiamo fatto e detto con la Prese la Vice:
ora ho pure le unghie pitonate Dior
una lana Ottanio da studiarci bene cosa fare
la Biografia di Patty Smith che mi farà compagnia stanotte.



Il tutto condito da un terribile torcicollo,chè è , come è stato detto: sono i 47 appollaiati sulle spalle come avvoltoi pronti a colpire....
Ci penserò domani, è un giorno migliore.
E visto che mi sono abituata male, che i bar in zona li ho girati tutti  e me lo raccontano da tre giorni: "Ma come non vai da Giorgio?" io domani mi regalo la colazione.....
cappuccino e champagne



19/09/12

Il Cuore in gola

Sono in affanno ed esattamente 3 giorni che spolvero e pulisco, non è che c'era tutto questo sudicio ma ho dovuto ripulire sul pulito  fino a ieri sera quando ho dato l'ultimatum: chi fa sudicio è un uomo morto.
E giuro, stasera quando sono tornata a casa alle 23 ho avuto il sospetto che non avessero mangiato in casa, però a strillargli  in testa anche i  maschi capiscono.
Devo solo sperare che stanotte i panni si asciughino che ho ben 2 stendini nel mezzo della stanza e non fanno bello.
Devo inventarmi  qualcosa da mangiare che non ho idea di quante persone passeranno da qui per vedere e conoscere  Laura
Devo scrivere tutti gli appuntamenti che mi sembra di essere alla Casa Bianca
e l'aperitivo..... e la colazione..........e il caffè...... va a finire che qua si mangia 3 giorni ( e cancellare la nota di cui sopra: si mangia all'Happy hours)
e c'è pure Ruralia con le mucche alle Cascine
E' incredibile! Ci sono i giorni morti che non succede mai niente e giorni pieni che ci vorrebbero 72 ore per potersi anche un po' riposare.
Ci sono nuove amiche di Ravelry che vengono a Firenze
Ci sono le amiche di sempre
Ci sono
sono pronta
a domani

.....
sono sicura che Laura mi stupirà e riuscirà ad arrivare a casa mia con la Tramvia.... però ho pure detto all'adolescente inquieto, che transiterà in stazione per quell'ora, di dare un occhio ed una mano se occorre .
Vado a letto se riesco a dormire...


18/09/12

21 settembre

E' da sempre una data speciale, vuoi perché è il giorno prima, quello del parrucchiere e del farsi bella, vuoi che è l'attesa dei regali (sempre pochi) e degli auguri (anche meno), vuoi che inizia l'autunno e siamo lì in bilico sul solstizio, vuoi che sono nata il 22, che non è il 21.
ma quest'anno è PROPRIO una data speciale, di quelle che gli fai 20 circoletti intorno ed una marea di cuoricini quelli che si disegnano cosi <3 .="." p="p">
Quanti cuoricini si mettono venerdì? non li posso contare, voglio solo farmi stravolgere, compleatamente, da questi giorni che iniziano domani.
Io non volevo dire nulla, sono molto scaramantica, ma è già stato scritto e stranamente le cose si sono accomodate, forse qualche programma è stato stravolto ed è cambiato all'ultimo minuto, ma son cose che si affrontano. Venerdì andiamo all'Ospedale, che per i fiorentini è il Meyer, l'Ospedale dei bambini a portare il Cuore. E ci andiamo con tutta la rappresentanza : la Pres e la Vice, e questo è il bello.
Il bellissimo è, non il ficone che è passato ora da sotto casa mia, che Laura dorme da me:  ho dato lo sfratto a due figlioli, spolverato 10 anni di lego, profumato scarpe Superga d'annata, recuperato calzini dispersi un po' ovunque, adunato l'arsenale di Gabriele, e impilato libri che quest'estate sono cresciuti meglio del basilico.
Ci arrangiamo.  Perché come ha detto Dany alla Ficata ormai spostarsi sta diventato un lusso e così ben vengano divani e camerette condivise (ed io sono la prima ad usarne) come in un impazzito revival della terza superiore, si ride come a 15 anni anche se sono un pochino di più (giusto 3 volte) si combinano incontri e combriccole di gente. Si prenota un aperitivo, una pizza o anche solo uno spaghetto.
Io non so quante saremo, so che aprirò la casa a tutte: con il Cuore
e questo è il mio regalo di compleanno
è il giorno prima? e che importa! io lo so che il 21 è un giorno speciale, io lo so che sono nata il 22 ma posso  festeggiarlo  quando voglio?
Allora io festeggio, uno di questi giorni, il mio compleanno con le amiche del Cuore (e non potevo avere regalo migliore) quanti anni sono? diciamo 32 ( ma solo perché non ho avuto il tempo di rifare il colore) ne ho persi 15 per strada e che vuoi che sia!! giusto l'adolescenza.
Ora, se ci riesco, dormo, che domani mattina ho le pulizie generali (quelle di lustro fine) e il riordino totale.
le ultime 6 ore di lavoro e 3 giorni di scazzo e schiamazzo, chi vuole venire si ricordi di scendere alla  "fermata Talenti" siete tutte benvenute.


15/09/12

Dopo 16 anni......

Sono ancora innamorata del mio abito da sposa
si vede che ho scelto bene.

mai, mai, mai, mai, darò una soddisfazione, una, all'informatico.  Tanto lo sa che lo amo così.

14/09/12

Date confuse

Ultimamente, ma come sempre, ho una vaga idea di giorno sia...
So esattamente che fra una settimana è Venerdì 21, di conseguenza sabato è il mio compleanno e domani l'anniversario di matrimonio.
Ok, fino a qui ci siamo
So che il 21 è una data importante, di quelle che pulisci casa e lavi le tende., ma di questo non si può parlare, e sarò muta come un pesce.....
 So che domani lavoro la mattina, l'orario speciale che si può chiedere solo per i compleanni dei figli o l'anniversario di matrimonio, o come l'anno scorso se devi andare alla Ficata.
So che dovrei essere a farmi bella, ma tanto non mi sposo domani.
So che il muratore voleva venire la prossima settimana: ed è stato rimandato
So che sarà una settimana di fuoco, e dovrò fare entrare tutto incastrato come in un puzzle fatto di minuti giganti.
So che devo alzarmi e dal letto e mettere a posto i mattoncini lego.
So che in questo caos frenetico di palestre, dottori, giorni di cose da fare, mi è venuta voglia di fare la manutenzione: a tutto, a  me per prima, come se il massaggio in extremis giovedì prossimo fermasse l'anno che passa. Alla casa che senza manutenzione casca a pezzi, e non solo la casa, ma tutto quello che intorno ci gira (a cominciare dalle palle)
Manutenzione, il minimo sindacale, giusto quel poco perché non vada tutto in malora, non è il momento delle grandi opere, mi devo accontentare di una stuccatina qua e una mano di pittura là, come si dice: una rinfrescatina, una passata di smalto sulle unghie che Chanel ha fatto colori strepitosi.
Forse mi comprerò un ombretto nuovo, o un rossetto, o forse aspetterò il 21 che per fare spese pazze avrò la compagnia......
Non so, non so che giorno è oggi. O forse lo so e lo ignoro.
Sicuramente c'è tanto, tutto e troppo concentrato in settembre per non essere confusi.
Ci sono troppi compleanni, troppi anniversari, date tristi e date sceme come l'inizio della  scuola.
Ci sono troppi cambiamenti in settembre
Ci sono troppe cose da fare per ricordarsi, oggi che giorno è.


09/09/12

La Ficata 2012

Ho chiesto ferie che non era ancora Marzo.
Ho pregato e consultato il meteo due volte al giorno per tutta la settimana e quando metteva nuvole pregavo con più vigore.
Non sono andata al compleanno della nipote e al pranzo di famiglia ( e questo è grave)
questo per farvi solo in parte  capire l'importanza di essere presenti là sul poggio della Salvia.
Conosciuta lo scorso anno grazie a congiunzioni favorevoli (l'adolescente inquieto a fare il campo estivo) e con dietro solo il cucciolotto di casa, che quando ha una torta pasqualina ed un po' di salame sta buonissimo, quest'anno abbiamo replicato alla grande.
Eravamo davvero tutti: tanti visi, bellissimi, nuovi, tanti conosciuti e riconosciuti, altre un po' in dubbio da quanto erano dimagrite, dicono che la Dany  ultimamente alterni la  sua attività di Broccante a quella, con ottimi risultati di coach per diete... è visti i risultati direi che anche questa cosa qui gli viene veramente bene.
Quanti eravamo?
ci ho provato un paio di volte a contarci tutti ma eravamo davvero tanti, vuoi per la magnifica giornata, vuoi che oramai si è sparsa la voce, vuoi che qualcuno si è pure moltiplicato e c'erano bambini bellissimi e buonissimi (ma come sono stati bravi, piccolissimi, sbatacchiati  e coccolati da tutte ridevamo beati e pure senza dormire)
Gabriele, la Pulcina e la Salvietta dopo un intervallo di un anno si sono rincontrati ed esattamente da dove avevano interrotto hanno ripreso (gavettoni compresi) e visto che oramai il Poggio è di famiglia girava allegramente fradicio in mutande  e vi giuro i bambini di tre anni erano più bravi ma poi è questo il bello avere 12 anni.
Quanto si è mangiato? non si può raccontare in giro diciamo che siamo stati tutti morigeratamente moderati (a crederci!) in realtà non abbiamo mai spesso di parlare, di mangiare, di bere, di ridere, una dose massiccia di benessere.
Come sempre quando si arriva alla lotteria si rimane a bocca aperta dalle meravigliose cose che tutte sanno fare e fra le prossime cose da imparare ( ma ormai nella prossima vita) metterò tagliare, incollare, dipingere, assemblare, cucire, inchiodare..... e soprattuto imparare il Country, lo shabby, il painting... ma per tutto questo mi organizzerò alla prossima gita ad abilmente.
A questo punto, entrerò nei dettagli e vi racconterò il segreto della Ficata, ossia cosa si fa di così speciale, è una cosa che è andata persa, ma che magicamente là sul Poggio ogni anno si ritrova: è la gioia di stare insieme, di conoscerci e di condividere.
In mondo, oggi, dove le domeniche vengono passate nei centri commerciale trovare questo momento di aggregazione è cosa rara e preziosa..
Insomma fra una risata, un fico ed  un gavettone abbiamo fatto sera ma non prima di esserci fatti il fegato amaro per una brutta storia di parcheggi........
ma quando la giornata è dritta tutto finisce bene ( e che i prepotenti vadino a quel paese)
Ho ritrovato la Signora dei Pipistrelli che finalmente realizzerà il suo sogno: fare la Bathouse (e ve l'ho detto che ci sono tipe strane che vanno là sul Poggio)

Insomma in men che non si dica è caduta una stella ed era già mezzanotte
il tempo di tornare, di lasciare il Poggio, la Dany e tutte le magnifiche persone, di dire è finita questa giornata di sogno e di Festa.
Devo solo ricordarmi una cosa
tenermi libera ils secondo sabato di settembre 2013
alla prossima!!!




07/09/12

La Ficata 2012

Finalmente arriva il giorno!!
Là sul colle della salvia vista strepitosa e compagnia magnifica
Io sono già  pronta e visto che ho le tette posso andare con le scarpe da ginnastica
Abbiate pazienza non le potete mica capire tutte!! ;-)
Mi ci voleva un giorno così

31/08/12

Per Tempo

C'è qualcosa di magico nel fare le cose "per tempo" metterle sopra il mobile e dire: questa è fatta!!!
Forse non è a cosa migliore che ho fatto nell'ultimo anno, ma non è stato neanche un bel periodo.
Ci sono un sacco di cose che devone essere messe "appppposto" come dico io.
Cose che vanno studiate con più attenzione.
Cose che vanno esplorate e capite
Cose che bisogna guardarle negli occhi e affrontarle.
Cose che non si possono più rimandare.
Come la polvere che va tolta.
il sudicio che va buttato
i compiti che vanno fatti: chè la lunga vacanza è fiinita.
C'è il parrucchiere da chiamare
la spesa da fare
il bagno da pulire, che stamani ho saltato
ci sono finestre da chiudere
...Ma sopratutto c'è il meteo da controllare!!! che il frescolino va benissimo ma piovere no!! sopratutto NON l'8 di settembre che devo andare a cogliere i fichi, a stare in compagnia, a divertirmi un mondo.
ecco di tutte le cose che devo fare solo il pensierino per l'8 settembre è "apposto".
Il resto del mondo e delle cose lo metto, per un attimo, in stand by.



30/08/12

Io & Lui

Ce la godiamo. Ce la godiamo un mondo. In queste giornate di ferie regalate. Dove il caldo non è più opprimente e anche uscire è possibile.
Girelliamo, ubriachi di noi e, per lo meno io, mai sazia di lui. Facciamo una cosa positiva ed una negativa (secondo il mio punto di vista) e commentiamo il fatto e il da fare...
Ci alziamo quando lo scampanio della chiesa diventa insopportabile e contando i rintocchi sono più di nove...
Matteo è nel posto più felice per un ragazzo di 15 anni e  con nessun problema:  in cima ad un bosco con i suoi amici, non raggiungibile in quest'era tecnologica.
Stefano si alza la mattina cercando di non svegliare me, che sono sveglia ma faccio finta di dormire, per andare a lavorare
e a casa rimaniamo io & lui: il piccolo cucciolo che per 3 giorni fa i figlio unico, e se la gode assai.
Ed io di più
Ha 12 anni e mezzo e gira, felice in tranvia con la corona di Burger King
e prima siamo stati a vedere i disonauri
Ho scoperto che dopo 30 anni ancora riconosco la maggior parte delle piante, e stupisco l'addetto delle serre indovinando l'Equisetum dagli stecchi secchi.
Camminiamo nell'ombra di Firenze imparando i nomi delle piazze
distribuisco nocchini quando confonde il Duomo e il Campanile
Beviamo litri di aranciata perchè ci piace un sacco
compriamo bischerate in ogni negozietto
lo faccio alzare dall'autobus per dare il posto alla signora e fare (io) un bella figura.
me lo godo
questo figliolo piccino
che ha dovuto capire tante cose
e crescere più di quanto fosse necessario
me lo godo
e lo respiro
con l'odore che cambia
la voce che è sempre più bassa

Siamo senza regole
Io & lui

24/08/12

Caldo

Ci sono tante cose da fare in quest'Agosto che ribolle di caldo, in quest'estate che non vede la parola fresco neanche da lontano.
 Ci si può alzare, ogni tanto dall'indolenza agostiana che mi ha preso, mi dico, ma faccio poco, svuotata da ogni energia umana.
Buon pro a chi ama il sole e il caldo, a chi lucertola si è fatto uomo, buon sole!
Ma io ho bisogno di pioggia, di acqua per ragionare, di vento e fresco per non appassire del tutto.
Ormai sono allo stento: evaporo caffè e caffeina.
Vivo con le ghiacciaine del freezer in tasca
Dormiamo su ogni superficie fresca che riusciamo a trovare sia un materasso o il pavimento
evitiamo accuratamente di sfiorarci
Ogni tanto mi do una spruzzatina con il vaporizzatore dei panni
più spesso passo dalla doccia
viviamo in  mutande, ma solo per la decenza
Come posso chiedergli di fare l'ennesima versione di latino?
o anche il primo esercizio di matematica?
Porto pazienza so già che da mercoledì cambierà il tempo
non perchè arriva la Bea
non perchè l'ha detto il Meteo
non perchè fanno male i calli della nonna
ma perchè da Mercoledì sono in ferie



23/08/12

Auguri infiniti nel tuo mondo di luce.

17/08/12

La montagna viola











Dall'alba al tramonto nel mezzo solo silenzio.
Qualche volta   è solo quello che si cerca, a volte è troppo pesante per sopportarlo.
Io cammino e vado su: io e il silenzio, ci bastiamo.

13/08/12

Papaveri

Io adoro i papaveri: è uno dei  pochi fiori che non si può raccogliere può  esistere solo  lì dove è nato, mi piace il rosso fra le spighe di grano, mi piace il rosso sul ciglio della strada, mi piace il rosso nell'anfratto del marciapiede.
Il papavero è estate è colore è vita

Vorrei saper dipingere un campo di papaveri
perchè sono paperina! e dirvi non so

08/08/12

La Forza, il Silenzio, la Pace

La Forza è tutta quella che recupero in montagna, dentro e fuori.
Il Silenzio, che mi ha circondata in quota  per una settimana
La Pace, che c'è qui adesso con i maschi rimasti in montagna ed che sono  tornata per  lavorare.
Ho scoperto che soffro di Trenofobia  ed ho attacchi di panico causa cambi (per questo sono partita mezz'ora prima dalla stazione di Aosta).
Che i treni della regione Piemonte sono meglio di quelli della regione Toscana
Che mi hanno sconsigliato Milano  e poi ci sono passata lo stesso
Che sono partita stamani per tornare a casa, al caldo, (ieri sera avevo il piumino sul letto) per andare a lavorare domani.
Che sono partita da sola perchè si meritano tutte le vacanze che possono fare..
...
e che in casa c'è una gran pace

25/07/12

Camminando lentamente

Ri-scopro cose che non leggevo più da tempo


tutta la sua ironia qui


08/07/12

La Borsa

Materiale 150 gr fettuccia in cotone sottile colore sabbia
poca colore melanzana
manico e bottonevintage
uncinetto 2,5

avviare 108 catenelle lavorare 1 giro a maglia bassa, chiudere in cerchio
lavorare 4 giri a maglia bassa , nel primo giro mettere un segnapunto nella 54a maglia (va bene anche un pezzettino di filo annodato che poi si taglia)
Per lavorare in tondo: iniziare con 2 maglie basse, proseguire a maglia bassa e l'ultima maglia chiuderla  sempre con una magllia bassissima nelle 2 catenelle
5° giro 4 catenelle (saltare una maglia di base), *1 mezza maglia alta, 1 cat (saltare una maglia di base)* ripetere da * a * fino alla fine del giro
6° giro a maglia bassa
7° giro 2 catenelle, *saltare una maglia di base, 3 maglie alte nella m successiva, saltare una maglia di base, 1 maglia bassa, saltare una maglia di base* ripetere da *a* fino alla fine del giro, terminare con 3 maglie alte nella medesima maglia di base e chiudere ccon una maglia bss
8° giro 3 cat e nella stesa maglia una maglia alta *saltare una maglia di base, una maglia bassa, saltare una maglia di base, 3 maglie alte nella meddesima maglia,* ripetere da * a * fino alla fine del giro terminare con una maglia alta nella stessa maglia base dell'inizio.

proseguire per circa 20 cm
(si può fare più o meno lunga a seconda del gusto e della quantità del filato)
Fondo della borsa
fare un giro a maglia bassa
1 giro seguente: 2 maglie basse, 2 maglie basse chiuse assieme
2  "        "           2 maglie basse chiuse assieme. 1 maglia bassa
3  "        "          1 maglia bassa, 2 maglie basse chiuse assieme
ripetere i giri 2 e 3 fino ad avere poche maglie 6/8 e non si può più lavorare
Chiudere il buco con l'ago.
fermare il filo

Applicare il manico da una parte sulla linea della fine del giro della borsa, dall'altra dove abbiamo messo il segno della 54a maglia . (ora si capisce a cosa serviva)
Passare un filino in colore contrastante nei buchetti del 5° giro   iniziando dal buchetto centrale fra i due manici ( è il numero 14)
cucire il bottone
Fare una nappina , ( qui ho trovato delle  istruzioni) io ho fatto un cappuccetto a maglie basse tutto intorno al capo della nappina (iniziato con 5 catenelle, le ho chiuse ed ho lavorato a maglia bassa fino a chiudere tutta la testia della nappina)
proseguire con una  catenella di 35 magie e chiudere in cerchio
Si fa un cappio e poi lo si passa in mezzo alle maglie basse del dietro della borsa (in corrispondenza del bottone)
ci si fa passare dentro la nappina (così che quando lo vogliamo cambiare non si deve scucire niente)
Si prende la borsa e si va a fare un giro



volendo si può foderare e mettere la lampo






Anniversari e Ricorrenze

Ci sono giorni, tutti i  giorni, che se si ricorda ( e some sapete io non dimentico) assumono un sapore speciale e particolare.
Talvolta  è amaro: incredibilmente amaro, ma spesso  è piacevole.
Puoi sentire una canzone e ricordarti il concerto,
Passare davanti ad un caffè  e ricordarti di un piacevole momento con un'amica (e altri gradevoli caffè)
Puoi sentire una musica e sognare un istante
Puoi annusare un profumo e ricordare persone lontane.




Puoi tutto
ricordare anche lo ieri
che era
che se ci penso sono ancora bambina
era il secolo scorso.
Giuro
Per festeggiare il giorno di ieri (ed il perchè, ahimè, lo ricordo solo io) mi sono regalata una cosa antica
perché ero una bambina (sì, ma nel secolo scorso!!)
Una piccola Borsa decò, retrò, come piacciono a me

Con i piedi nell'acqua





Ferma. In questo mare che non amo e non mi ama. Solo il rumore della risacca e i sassolini che levano lo smalto. Aspetto e dormo. Mando i pensieri nel mare, che nuotino pure felici verso altri mari e altre persone.
Che si impiglino pure in cuori che non sono il mio.
E' il tempo fermo, quello del mare, del dormire fino a star male (quando di dormire ho un disperato bisogno) di k, p, k, p, k, 91 k, k, p, k, p, k e il giro dopo tutto il contrario, perché i pensieri sono tutti nel mare.
Che li raccolga chi sa.
Sennò rimangono lì
Io con loro
ferma, immobile, ad aspettare il tempo che non torna
Ad ascoltare i pensieri prima di gettarli via
e cancello tutto il resto
già che ci sono
Voglio una vita nuova.
Con i piedi nell'acqua
se ne va via la tristezza
 ora posso anche tornare a casa




20/06/12

Cose in sospeso 1




Scialle per i 40 anni dell'amica....  compleanno festeggiato un mese fa, lo scialle bloccato oggi
quadrato per coperta.... ri-perse tutte le indicazioni (certe volte sono un vero genio)

golfino per Viola (è color viola giuro!!!!) qua forse sono in tempo è taglia 0-3 mesi... lavato oggi
  e di questi che non sono per nessuno, che non hanno scadenza, che faccio solo perchè è caldo e  ne faccio a decine solo perchè sono belli e colorati tutti assieme.

E non hanno nessuno altro scopo che essere sè stessi... (che è quanto basta)

Ritorno a casa

Ritorno a casa
Ribollita - Paella 1 a 0