LAVORI FATTI A MANO

Puoi scrivermi a

granadiriso (chiocciola) yahoo.it




24/10/10

Sorprese...


No, stavolta non ne ho ricevute io, beh mica sempre è Natale! ma ne ho fatta una, che non è una sorpresa ma c'è chi ne è rimasto piacevolmente sorpreso:
Con calma che è domenica mattina ed i pensieri sono ancora confusi:
Ricordate che al mare a giugno mi era stato commissionato uno scialle da una nonnina novantenne, la "Nonna Eugenia" ed il mio patire era riuscire a finire prima che ...... 
A settembre comincio a telefonare e non trovo nessuno, beh sarà a finire la stagione al mare.... poi mi faccio male, e fra un tricchete ed un tracchete passa un mese, ricomincio a telefonare e non risponde nessuno, chiamo la figlia (le nonne si sa ti danno sempre un casino di informazioni) e non risponde nessuno. Ormai mi stavo quasi facendo l'idea che.... poi ieri prima di andare a comprare le scarpe all'adolescente  mi dico: riprovo!

Mi risponde la figlia.. l'idea del surreale è questa telefonata
"Buonasera cercavo la Signora Eugenia"
"Non c'è chi la desidera?" Difficile è ora spiegare chi sono  e soprattutto cosa voglio dire e dovce voglio arrivare...
"Sa, io ho conosciuto sua madre quest'estate al mare, io lavoro a maglia... ( ed ora comincio a sudare freddo...) la Signora mi ha chiesto di farle uno scialle ed io l'ho fatto  e vorrei portaglielo"
..... silenzio.....
"Resta inteso che è un regalo ed io non voglio nulla"
......silenzio.....
"Non faccio cose su commissione è proprio un regalo!"
... a questo punto penso mi ha riattaccato in faccia mi ha preso per matta è uno scherzo telefonico come quelli che facevano alla radio negli anni '80...
invece ne esce con un "Sì mi dica"
E così gli racconto di questa signora al mare che mi ha detto una cosa e mi ha abbracciata strinta. Che mi ha chiesto una cosa e l'ho fatta. E così parlo con una sconosciuta di una signora vista due volte e che ha letto nel mio cuore una pena.
Gli racconto tutto questo e non mi prende per matta anzi mi dice "questa che mi racconta è mia madre, mi lasci il suo numero"
E così ieri sera mi chiama la Nona Eugenia che si ricordava benissimo di aver chiesto uno scialle ad una sconosciuta al mare ma non pensava che la sconosciuta lo facesse.
E mi ha detto "Che sia Benedetta (e questa non si butta certo via!) perché tante volte si dice sì ma non si fa ed invece Lei lo ha fatto" ... "Mi ha sorpreso che abbia mantenuto fede alla sua promessa ed è veramente una bella sorpresa. Lei è una bella persona perché mantiene la parola, la sua famiglia è fortunata perché Lei ha un grande cuore"....
E tutto questo senza nemmeno vedere lo scialle!
Beh che dire mi piace un sacco fare belle sorprese e stupire la gente!
E questo scialle che è stato con me al mare, in montagna e nel mio cuore scalderà il suo. 
E... sapete che vi dico io credo che da lassù qualcuno, forse, sorriderà.

5 commenti:

luigi@ ha detto...

ogni post che leggo mi convinco sempre più che il mio istinto non mi tradisce, avevo, subito di pelle, stabilito che tu fossi una "giusta", e ora ogni tua parola avvalora la mia ipotesi!!!
Sei grande!

bilibina ha detto...

E' bello leggere cose così, riscalda il cuore..oggi sono fortunata, ho anche saputo dell'adozione di Pongo, un cane disabile! Un bacio, a presto!
Carmen

Silvia ha detto...

Si queste cose accadono perchè non siamo soli,
e c'è sempre qualcuno che è pronto a tendere una mano.
Che bella cosa ti è capitata,te la meriti.
Un abbraccio

Amelia ha detto...

si sono certa che sorride! un bacio

bricolo-chic ha detto...

brrr brividi e non è il freddo... una storia emozionante, bravissima!

Ritorno a casa

Ritorno a casa
Ribollita - Paella 1 a 0