LAVORI FATTI A MANO

Puoi scrivermi a

granadiriso (chiocciola) yahoo.it




28/11/08

Hey Ginevra


Vi volevo avvisare che il vostro
"generatore multimolecolare di particelle di recettori transmembranari di adesione "
(polvere e lanicci)
è a casa mia e funziona benissimo...

la foto è stata presa dal web da questo sito che ne è proprietario

27/11/08

Dove sono????

Sgabuzzo 1° giorno h 10,00


la ricongiunzione delle scarpe la Cesta dei calzini (così la mattina si trovano subito)

Tutto piegato e diviso


Sono persa in mucchi sparsi, disordinati, accatastati, di roba. Scatole vuote, sacchetti rinfrignati, scaffali pericolosamente colmi di roba... roba accumulata, comprata, regalata, riciclata, mai buttata via. Voglia una casa con una cucina una camera e 4 ripostigli, ma che dico 4, minimo 8, ma per 12 firmo il contratto. Ripostigli ordinati, scaffalati, con armadi etichettati con tutta la loro mercanzia, come l'armadio della biancheria della nonna che profumava di sacchetti di lavanda e saponette, con le tovaglie legate dal nastrino di raso. Voglio il vaccino che curi il mio disordine, l'antibiotico per la mia cialtroneria, voglio una pasticca che mi faccia venire: l'ordinite, la precisite, e anche la pignolerite. Voglio piegare cose che stiano piegate. Voglio ordine. Voglio trovare le cose nel loro posto e non dove le ho messe 10 anni fa in un'impulso convulsivo. Se rincretinisco e mi viene l'Alzhaimer, poi chi trova le cose? Se perdo la memoria chi sa che i bottoni sono nelle scatole bianche e i nastrini nelle scatolette Ikea in nuance? Chi troverà i miei aghi da lana infilati nei gomitoli (diabolica). Eppure in questo mio caos ho tutto catalogato, ordinato, preciso, nella mia mente, peccato che adesso i figli spostano le cose ed io non trovo più niente...
E' tutta la mattina che piego magliette, appaio scarpe, divido pantaloni e pigiami, questo è di Matto e questo è di Lele.. per poi scoprire che in realtà loro pescano dall'armadio alla cieca, la mattina entrano, gli occhi cisposi, incerti e assonnati prendere cosa? ma quello a portata di mano, non importa cosa è o di chi è, è di stoffa, si indossa, è adatto all'uopo e alla bisogna.
Per poi scoprire che la maglietta è dell'altro e all'ora urli, strilli levati la maglia è mia! no, è mia!!! e corri su, giù, a cercare di accozzare colori, gusti, e necessità.. "E' un tony" strillavo stamani, "no, non è un Tony" ma i pantaloni di felpa con l'elastico in vita con felpa c/zip coordinata, cosa cappero sono??? e tu togliti la maglietta a maniche corte non è agosto.. E' un caos infernale, il girone dantesco dei disordinati, ed io sono lì condannata a piegare per sempre magliette e mutande, appaiare i calzini di questa casa dove vivono 1000 millepiedi. Calzini Puzzolenti, spaiati, aggomitolati, gettati ovunque, lasciati in bella vista, quasi a dire "vedi ho fatto il mio dovere: ho i calzini puliti" e basta questo per essere in ordine. E perdo tempo, girando, annusando, stringendo, il loro odore, il loro disordine, la loro confusione e sopra tutto questo bailame il mio immenso amore...

26/11/08

Unisono (As-suonanza)


Ho notato che il mio silk epil ha lo stesso rumore del trattorino tagliaerba del giardiniere ...

24/11/08

23/11/08

Un regalo

Un'invito su un blog, buttato lì, così, a chi per caso passerà di la. E io di lì sono passata. A conoscere Cristiana e Laura. Ciò che ci siamo dette è nel mio cuore. Un regalo che Laura mi ha fatto. Un pezzo di Lei, un po' di me. Siamo donne, ci conosciamo così....

20/11/08

una poesia

Io sono qui,
sono così,
sono un capriccio ed un sorriso.
Sono un muso lungo un metro.
Sono felice con poco.
Sono segreti che non racconto,
sono pensieri che mi accompagnano,
sono granadiriso un giorno dritta ed uno rovescia...
Sono giornate in cui non mi alzo da letto
ed altre in cui spacco il mondo.
Sono momenti di sorrisi
e lacrime infinite.
Sono solitudine e compagnia.
Sono disponibile e riservata.
Sono strana.
tanto.
una contraddizione ed una conferma.
Sono una vita che corre
(girata all'indietro).
Sono moderna ed antica.
Sono il domani passato.
Sono un bacio e uno schiaffo.
Sono gioia e tormento.
Sono l'amore infinito
e il muro chiuso della mia solitudine.
Sono solo parole
dette e volate via.
Sono solo silenzi,
che riempiono vuoti.



(a te dedicata)

Un anno

E' passato un'anno da quando è partito il mio blog. Sembra ieri quando ho battuto per la prima volta il tasto invio, quando per fare un collegamento (link) scrivevo tutto il codice html, quando volevo fare un post e non sapevo cosa fosse. E' passato un'anno e volevo solo parlare un po' di me, raccontarmi, così , per stare vicino alle persone cui voglio bene. Poi siete arrivate voi, le amiche , i curiosi di passaggio, le persone che hanno sbagliato strada e si sono fermate, le persone che hanno letto e sono fuggite. Vi conosco, una per una, conosco la vostra scrittura ed il suono che essa ha. Conosco i vostri lavori, i vostri figli ed i vostri animali. Mi intenerisco davanti a tante pance che crescono, a bimbi che nascono, piango quando qualcuna di voi perde qualcosa. So che lavoro fate, se lo cambiate, e vi auguro tanta fortuna. So dove andate in vacanza e cosa cucinate. Conosco il vostro caffè la mattina, qualcuna si sveglia presto altre sono più pigre, altre lo fanno solo quando sono al lavoro, e quindi in orario di ufficio. So che qualcuna si sposa. Qualcuno è felice per il nuovo presidente degli Stati Uniti d'America. Qualcuna mette desideri in rete che vengono esauditi. Qualcuna gira, un'altra sta ferma. C'è chi si prende e si lascia. Chi è fortunata in amore. Rido leggendo le vostre barzellette, ammiro i vostri lavori, leggo i vostri libri, ascolto la vostra musica. In quest'anno sono partiti tanti progetti, a qualcuno ho contribuito, di qualcuna di voi sono diventata amica, tutte siete nel mio cuore. Qualche blog è linkato a lato, altri sono fra i miei preferiti, e se non aggiorno credetemi è solo per pigrizia.
E così il mio mondo è diventato più grande e gli orizzonti sono senza limiti. Penso all'anno passato , vedo i vostri sorrisi, il vostro incoraggiamento quando mi volevo fermare, il vostro conforto quando ero stanca, oggi vi dedico un bacio, un'abbraccio sincero, con il mio cuore per tutte voi GRAZIE. Per la compagnia che mi fate, il bene che mi volete, Grazie , oggi sono così, un giorno dritto.
Emme (Mirella)

16/11/08

La prima volta

a Roma. a vedere la Fontata di Trevi. e basta. un solo minuto. ma sono stata a Roma. ho fatto anche questo.

14/11/08

Bugie...

Mamma dove vai domani?

In gita a Roma con il lavoro.....

?????????

io ho già un'idea...
ri-fatta a modo mio

Decò



l'idea era questa di fare un set Decò ...
Vista la mia incapacità di reallizzarli con i ferri (mi sono ingarbugliata più volte) i guantini sono fatti all'uncinetto!!!
A punto non lo sò (mi hanno insegnato a farlo ma non il nome), maglia bassa e punto gambero
ho fatto delle diminuizioni per darli il "garbino" e sono iniziati dal palmo a salire verso il polso. Sono come se ne vede in giro però fatti a modo mio

13/11/08

Cocò Mirè





Vanesia......

Nostalgia

Sarà che ieri sera c'era la prima del film/documentario sul "Cinema Universale" dove ho passato anni della mia vita ( e mannaggia che dovevo lavorare) sarà che stamani mi sono alzata in una giornata triste e piovosa e nemmeno Camerini riesce a smuovermi da quest'uggia. Sarà che rovistando fra i miei "preferiti" ho aperto questo link dove avevo ri-trovato la prima cotta dei 14 anni ... sarà che così, stamani, mi messaggia la mia amica che non vedo mai ma che è sempre nel mio cuore... e poi altro ... Ciao pioggia oggi mi metto gli stivali, prendo l'ombrello, forse non è proprio una brutta giornata!!
P.S. poi ho trovato il modo di farmi i "finger gloves" (guanti mezze dita) dopo li posto (se trovo la macchina fotografica)

12/11/08

Sabato 15

Sabato 15 ci sarà lo sciopero dei lavoratori del settore commercio (sopratutto supermercati) un motivo di protesta è contro l'imposizione delle domeniche lavorative obbligatorie. Lavorare di domenica e sopratutto in certi climi ed ambienti non è piacevole. Doverle lavorare per forza anche se hai il matrimonio di tua cugina è terribile. Però la situazione è questa meno personale che deve sopperire alle mancanze organizzative. Le cose non vanno, non vanno dove lavoro io o in altri posti, ci sono sempre meno soldi, la crisi e tutto quello che c'è. Però sabato, vi chiedo un momento di solidarietà: non passate il pomeriggio a girellare ( e comprare) nei centri commerciali. Portate i vostri bambini al parco. Fate la maglia. Pulite gli armadi. Leggete un libro. Girellate sui blog. Postate commenti... ma sopratutto non fate la spesa!!!
Grazie. M.

11/11/08

Martedì

Oggi è giornata di festa: è una domenica anticipata, è Natale senza neve e regali. E' un giorno che mi regalo. Mattina al mercato alle cascine (con rovistamento di bancarelle e relativi acquisti) poi a pranzo con l'amica del Knit (cucino io!!!!!!!) poi bliz al negozio di perline e poi in centro per il Knit Cafè da Ilaria.... e poi domani torno al lavoro, alla scuola, ai tanti problemi, ma oggi no, è un giorno mio che mi regalo, voglio solo cose belle, voglio essere egoista, voglio fare festa!!!

10/11/08

Rammendi e rattoppi

Il rattoppo è una cosa veloce: una smacchinatura sul buco dei pantaloni dei bimbi. Sono due punti in fila a tener serrato. Un po' di teletta adesiva sul retro (provare per credere). Un pezzo di stoffa appiccicato.
Il rammendo no: è cosa antica. E' la scatola colorata dei fili, l'ago fino e l'occhiale da vicino. E' la luce forte e piccole maglie nascoste e sfilate che devono essere fermate prima che se ne vadano verso altri lidi. Il rammendo è recupero è anti spreco è contro il rincaro dell'euro. Sì perché io i calzini bucati non li butto mica via, no con l'ovo di legno lì rammendo. Un piccolo punto, il filo, la pazienza. E così si fa, un'altra volta, un'altra lavatrice, finché reggono. E così si recupera il buchino sulla maglietta e quello sulla polo. Si recupera per non buttare, troppo è già stato buttato e perso. Ora sono in economia, sono al risparmio. Sono contro lo spreco. E poi volete mettere il rammendo che si fa in silenzio, sotto concentrazione neanche fosse l'esame di stato. Il rammedo deve essere perfetto perchè sennò rammendo non è: è rattoppo. Và bene lo stesso: ma è un'altra cosa.

09/11/08

Paella


Seguendo pari pari le indicazioni di Cookaround ed usando per la prima volta la paella che ho comprato l'anno scorso a Barcellona oggi per pranzo Paella di Pollo. Ho cambiato le verdure perché al marito non piacciono le taccole (i fagioli verdi) l'ho fatta senza pesce (perché io non lo mangio), l'ho fatta senza coniglio (perché non lo cucino) l'ho fatta come faccio le cose: a modo mio.
Però è venuta buona. Anzi, buonissima... E poi finalmente ho scoperto che il gas centrale della cucina non serve solo a far bollire velocemente l'acqua della pasta ma è un diffusore....
Unico neo la padella non va in lavastoviglie....

07/11/08

Sono viva (ma non in forma)

A chi dare la colpa: Al lavoro? Alla maglia? A dover pulire? All'umido? Alla stanchezza? non lo sò... è una settimana che mi fa male una spalla e la schiena... cerco di stare più ferma posssibile ma come si fa a stare con le mani in mano? loro cercano la lana come acqua da bere, così lavoro sul divano in posizione yoga e con la sciarpa che mi tiene sù il braccio.. e piano piano giro,vago... però vi leggo anche se scrivo poco.....

Ritorno a casa

Ritorno a casa
Ribollita - Paella 1 a 0